Back to top

Kollmorgen Automation fa parte di Kollmorgen, che a sua volta appartiene al gruppo Altra Industrial Motion quotato al Nasdaq. L'azienda sviluppa e commercializza prodotti e servizi correlati a soluzioni di automazione per applicazioni tra cui gestione del magazzino e produzione. Le radici di Kollmorgen Automation fanno capo ad un'azienda svedese a conduzione familiare (NDC - Netzler & Dahlgren Co AB) fondata negli anni '60, che sviluppa soluzioni per veicoli a guida automatica sin dagli anni '70.

La scelta di un servoazionamento dipende dal servomotore specifico utilizzato nell'applicazione. I requisiti di motion del meccanismo azionato determinano le esigenze in termini di tensione e corrente del servomotore, cioè le informazioni chiave necessarie per la scelta di un servoazionamento.

Un servoazionamento è un dispositivo elettronico all'interno di un sistema ad anello chiuso che produce corrente e tensione per la rotazione di un servomotore. Il sistema ad anello chiuso comprende il servoazionamento, il servomotore e un dispositivo di retroazione ed è comandato da un segnale analogico o digitale.

Sono molti gli aspetti da considerare quando si deve scegliere un servomotore per un'applicazione specifica, ad esempio velocità, coppia o forza necessarie, il profilo di movimento, l'alloggiamento fisico disponibile, fattori ambientali. La soluzione scelta dovrà quindi implementare i requisiti di coppia di carico e velocità, adattarsi allo spazio disponibile ed offrire prestazioni in base alle condizioni ambientali cui è soggetta l'applicazione.

I diagrammi di Bode hanno fatto la loro comparsa negli anni '30, quando Hendrik Bode studiò un modo per rappresentare i margini di guadagno e di fase nel settore della frequenza. Oggi, creare un diagramma dettagliato della risposta in frequenza che evidenzi la caratteristica unica di un servomeccanismo nel dominio della frequenza è facile come premere il tasto di un computer. L'articolo affronta cinque aspetti chiave in un diagramma di Bode e che cosa rivelano della macchina.

Un servomotore è un dispositivo elettromeccanico che produce coppia e velocità sulla base della corrente e della tensione fornite. Un servomotore è una parte di un sistema ad anello chiuso che fornisce coppia e velocità in funzione di un comando proveniente da un servocontroller che utilizza un dispositivo di retroazione per chiudere l'anello. Il dispositivo di retroazione fornisce informazioni quali corrente, velocità o posizione al servocontroller, che regola l'azione del motore in base ai parametri inviati con comando.

I motori frameless o “kit di servomotori” offrono numerose possibilità per la progettazione degli elementi di motion dei macchinari in funzione delle prestazioni. Un motore frameless è composto da rotore e statore, assemblati in un gruppo meccanico che trasmette la coppia a un carico.

Le ultime tendenze nel campo dell’automazione mostrano come il robot collaborativo si "fonda" con gli AGV (Automated Guided Vehicle), generando un Cobot con le capacità di navigazione degli odierni AGV. Questo scenario offre nuove opportunità nella logistica dei magazzini che consentono di migliorare l’intera catena di approvvigionamento. Dato l'incremento della domanda generata da questa combinazione, le soluzioni innovative per motori e drive assumono un’importanza cruciale.

Di norma, in discussioni su questi termini, la parola chiave per noi è attuatore. Pertanto, volendo essere più precisi, qual è la differenza tra un attuatore lineare e un attuatore rotativo?

Gli attuatori lineari, sostanzialmente, spostano qualcosa lungo una linea diritta, in genere avanti e indietro. Gli attuatori rotativi, per contro, imprimono a un oggetto una rotazione di alcuni gradi in un cerchio – e il numero di gradi può essere limitato o infinito.

Quindi, attuatore lineare: movimento avanti e indietro; attuatore rotativo: movimento circolare.

Il settore in cui operi definisce l’approccio riguardo a robotica e automazione. Esperti di software e IT possono fare riferimento agli Internet bot. Potrebbero anche pensare al nuovo campo emergente della Robotic Process Automation (RPA) che è il software in grado di svolgere noiosi compiti informatici di carattere amministrativo. L’RPA riduce le attività ripetitive quali controllo, verifica e trasferimento di dati. Le strutture produttive penseranno ai cobot o ai robot fisici, adottati anche per eseguire operazioni ripetitive quali il carico e lo scarico di una macchina a controllo numerico o l’installazione della custodia di un computer. Possono anche essere impiegati per automatizzare compiti pericolosi come sollevamento, saldatura o rimozione di vernice.

Pages

Blog Taxonomy Helper

Aerospaziale e Difesa
Applicazioni
Business
Embedded Motion
Engineering
Fieldbus
Food Regulations
Generale
I veicoli a guida automatica
Installazioni - consigli
Interconnectivity
La nostra storia
Medicale
Oil and Gas
Packaging
Partnerships universitarie
Robotica
Tecnologia