Back to top

Di norma, in discussioni su questi termini, la parola chiave per noi è attuatore. Pertanto, volendo essere più precisi, qual è la differenza tra un attuatore lineare e un attuatore rotativo?

Gli attuatori lineari, sostanzialmente, spostano qualcosa lungo una linea diritta, in genere avanti e indietro. Gli attuatori rotativi, per contro, imprimono a un oggetto una rotazione di alcuni gradi in un cerchio – e il numero di gradi può essere limitato o infinito.

Quindi, attuatore lineare: movimento avanti e indietro; attuatore rotativo: movimento circolare.

La meccatronica adotta un approccio olistico che mira a una soluzione di automazione completa, tenendo conto di tutti gli elementi costitutivi del sistema in questione che sono parte integrante della macchina, inclusi meccanismi, motori, elettronica di azionamento, comandi, interfacce ed ergonomia. 

In questo blog esploreremo cosa si intende per flessibilità e quali vantaggi offre.

Mai dimensionato un servosistema? Bene, desideriamo condividere con voi alcune buone pratiche elaborate negli anni.
Cablaggi ridotti, armadio più piccolo, minor calore... maggiore flessibilità!

Mentre il nostro Fredrick Kollmorgen si occupava di tutte queste cose, in Germania nasceva e cresceva un altro futuro immigrato di nome Hugo Unruh. All'incirca coetaneo di Otto, il figlio di Fredrick, Hugo visse le dure condizioni del dopoguerra in Germania successivo al primo conflitto mondiale, un periodo di inflazione galoppante ed economia in affanno. La sua famiglia lo spinse ad emigrare negli Stati Uniti per realizzare i propri sogni.

Hugo iniziò la scuola in Germania ma terminò gli studi superiori e frequentò due anni di università negli Stati Uniti. Per pagarsi gli studi Hugo lavorava come addetto alle riparazioni presso un laboratorio di radiologia.

 

Piccolo riassunto del nostro ultimo post: Nel 1948 un immigrato senza lavoro fondò la società Inland, con un patrimonio netto di circa 4000 $.  Sei persone portarono avanti l'attività nel seminterrato e nel garage di casa Unruh.  Il primo dipendente della società, Tom Bain, ha descritto le condizioni come "decisamente rudimentali" ricordando il freddo garage e i problemi per le perdite nel seminterrato in seguito alle piogge primaverili.  Appena un anno dopo, Hugo traslocò a Pear River; nel 1957, lo stabilimento contava addirittura 60 dipendenti e un volume di lavoro in crescita.  Ma andiamo avanti…

Nei prossimi mesi pubblicheremo una serie di interventi sull'evoluzione di Kollmorgen, dalle umili origini fino ad oggi. Seguiteci in questo viaggio per conoscere i visionari che hanno fondato la nostra società.

Torniamo indietro nel tempo: siamo agli inizi del '900, con la rivoluzione industriale a pieno regime. Un giovane esperto di ottica lasciò la Germania per lavorare sotto gli auspici del pioniere in questo campo, Karl Reichert a Vienna. Frederick Kollmorgen decise poi di trasferirsi in America dopo un breve periodo trascorso a Londra lavorando per la Ross, Ltd. Kollmorgen si stabilì a New York, dove collaborò con Keuffel & Esser, produttori di strumenti per rilievi e misurazioni.

I motori lineari svolgono un ruolo importante nell’erogare un azionamento diretto molto preciso e robusto in varie applicazioni ad alte prestazioni. Per raggiungere i massimi livelli di prestazioni, il sistema a motore lineare deve essere messo in servizio in modo adeguato.

Oggi parliamo di rumore, il rumore da interferenza elettromagnetica (EMI). Per tentare di eliminarlo,  occorre seguire gli 8 punti indicati di seguito. Seguendo queste linee guida, sarà più semplice evitare i problemi correlati al rumore elettrico nella vostra applicazione.

Pages

Blog Taxonomy Helper

Aerospaziale e Difesa
Applicazioni
Business
Embedded Motion
Engineering
Fieldbus
Food Regulations
Generale
I veicoli a guida automatica
Installazioni - consigli
Interconnectivity
La nostra storia
Medicale
Oil and Gas
Packaging
Partnerships universitarie
Robotica
Tecnologia