Back to top

Un’occhiata a un’auto “steer-by-wire” – Non è al passo con i tempi?

20 Nov 2015
Scott Evans

C'è un articolo interessante e piacevole nella rivista Wired: Un'occhiata alla prima auto "steer-by-wire" ("Sterzo con cavo", ndt), di Matt Jancer.

Auto steer-by-wire

 

Benché i miei articoli del blog richiamino generalmente l'attenzione su nuove idee che pensiamo un giorno verranno realizzate in una fabbrica, il drive-by-wire non rientra in effetti nel settore: questo tipo di soluzioni, come il cambio elettronico (noto anche come profilatura camma o a camma), sono disponibili nell'automazione industriale da anni.

Nel drive-by-wire, un encoder o un resolver viene montato al piantone dello sterzo. Può rilevare in quale direzione viene ruotato il volante e a quale velocità sta girando la ruota. Questa informazione viene letta dal controller che a sua volta controlla un asse lineare che effettivamente fa girare la ruota. Questo meccanismo potrebbe essere realizzato in modo semplice come un servomotore con un pignone inserito a pressione sull'albero e una cremagliera per azionare lo sterzo. (Potrebbe anche essere un attuatore a vite o addirittura un motore lineare).

La sensazione della strada e la sensibilità allo sterzo (la percezione della reattività o della lentezza dello sterzo) possono essere regolate dal fabbricante in corrispondenza del sistema di controllo e dell'amplificatore. Naturalmente, saranno possibili modifiche post-vendita per regolare lo sterzo.

Nell'automazione industriale vi sono già molti esempi di questa tecnologia. Ad esempio, una macchina per stampa ad alimentazione continua può avere un encoder di superficie per il rilevamento della velocità del nastro; questo encoder genera il segnale master. Un servoamplificatore o un controller accettano questo segnale e generano il movimento altrove, in modo proporzionale al segnale master.

L'asse che segue può essere una camma elettronica. La distinzione è che ci potrebbe essere un rapporto non lineare del movimento dell'asse rispetto al master o che il movimento lineare può seguire come una biella su un albero a camme meccanico che si sposta (l'albero a camme è in rotazione e il pistone si muove verso l’alto e verso il basso). Il movimento è comunque ripetibile e prevedibile poiché è programmato in questo modo.

Nel settore automobilistico, le principali priorità consistono nel garantire la sicurezza ed evitare cause legali... Sono quindi necessari encoder/resolver multipli ridondanti e una frizione che possa ingranare il vecchio sterzo meccanico se l'amplificatore o il sistema di controllo o il motore/attuatore dovessero guastarsi. Un giorno, quella frizione e quella retroazione meccanica scompariranno e guideremo esclusivamente con un cavo. O non guideremo affatto... Ma questo è un altro argomento.

Info sull'autore

Scott Evans

Scott Evans - Author
Scott collabora con Kollmorgen da 7 anni ed è attualmente direttore della pianificazione globale dei prodotti. Scott è stato anche direttore di divisione per l'America per Kollmorgen. Scott è stato il fondatore di Advanced Digital, una società di progettazione e produzione di servoazionamenti ora di proprietà della Lenze. Il prodotto principale sviluppato da Advanced Digital è attualmente commercializzato con il marchio Rockwell. In qualità di responsabile della pianificazione globale dei prodotti per Kollmorgen, Scott ha potuto vedere e talvolta anche prendere parte ad alcuni esperimenti creativi e decisamente fantasiosi. In questo blog Scott condividerà con voi interessanti articoli su nuovi prodotti o servizi che sfruttano sistemi servoassistiti o che utilizzano componenti chiave di tali sistemi. Per contattare Scott scrivere a: Scott Evans

Blog Taxonomy Helper

Aerospaziale e Difesa
Applicazioni
Business
Embedded Motion
Engineering
Fieldbus
Food Regulations
Generale
I veicoli a guida automatica
Installazioni - consigli
Interconnectivity
La nostra storia
Medicale
Oil and Gas
Packaging
Partnerships universitarie
Robotica
Tecnologia