Back to top

L’ABC dei veicoli a guida automatica

14 Set 2018
Samuel Alexandersson

I veicoli a guida automatica (AGV) sono concepiti per la movimentazione dei materiali negli stabilimenti e delle merci nei magazzini. Sono più intuitivi dei veicoli ad azionamento manuale e più flessibili delle soluzioni d’automazione fisse come, ad esempio, i nastri trasportatori.

Perfetti pressoché ovunque

L’ABC dei veicoli a guida automaticaI veicoli a guida automatica sono disponibili in varie dimensioni e gradi di personalizzazione. Alcuni sono concepiti con piattaforme strutturate su misura, mentre altri si avvalgono di carrelli elevatori standard. È inoltre sempre più cospicuo il numero di veicoli compatti e rapidi, progettati per uso generico come carrelli e robot mobili.

I veicoli a guida automatica trovano applicazione nei settori più diversi, tra cui automotive, ceramica e piastrelle, distribuzione, elettronica, alimenti e bevande, carta e stampa, nonché acciaio e merci pesanti. Gli ospedali rappresentano un altro comparto in cui questo tipo di veicoli si rivela particolarmente prezioso per lo svolgimento di compiti ripetitivi, poiché consente al personale di dedicare maggior tempo alla cura dei pazienti. I veicoli a guida automatica sono inoltre una soluzione valida per ambienti a elevata intensità di lavoro, con condizioni pericolose o sensibili in termini ambientali.

Guida controllata

Le soluzioni a disposizione per guidare un veicolo a guida automatica sono due: tramite percorsi fisici a pavimento (nastro magnetico, filo induttivo, colore) e tramite elementi che non richiedono installazione a terra (riflettori laser, oggetti naturali nell’ambiente). Ciascun veicolo è dotato di sensori che gli consentono di seguire un percorso specifico. Ogni veicolo è controllato da un software specifico che interagisce con i sistemi aziendali di attività e di gestione del magazzino e dell’impianto di produzione.

Il controllo preciso dei veicoli a guida automatica contribuisce a potenziare l’efficienza, rafforzare la sicurezza e aumentare la qualità di stabilimenti e magazzini. Il lavoro ripetitivo porta a un certo grado di prevedibilità, offre l’opportunità di migliorare i processi e di ridurre al minimo i problemi sul fronte della qualità. Zone di sicurezza adeguatamente definite riducono inoltre il rischio di danni a merci, pallet e scaffali. La guida controllata riduce soprattutto al minimo il rischio di lesioni dei dipendenti.

Info sull'autore

Samuel Alexandersson

Samuel Alexandersson

Quello che amo di più del mio lavoro è la sfida costante che sono chiamato ad affrontare, ossia conoscere sempre le diverse esigenze del mercato. L'attività si sta espandendo come non mai e il mio ruolo, che richiede di scoprire opportunità a cui dedicarsi con impegno e competenza, è decisamente gratificante. In qualità di Product Marketing Manager, la mia attività principale consiste nell’analizzare e nel “congiungere i punti” nell’ottica di strutturare e collocare con successo un solido portafoglio di prodotti per il mercato futuro. Una grande fonte di motivazione in questo ambiente globale è data dalle persone magnifiche che si incontrano. E non parlo solo di colleghi, ma di stakeholder di tutto il mondo. Studi: Gestione industriale e ingegneria, facoltà di Ingegneria dell’Università di Lund. Samuel può essere contattato all'indirizzo: samuel.alexandersson@kollmorgen.com

Blog Taxonomy Helper

Aerospaziale e Difesa
Applicazioni
Business
Embedded Motion
Engineering
Fieldbus
Food Regulations
Generale
I veicoli a guida automatica
Installazioni - consigli
Interconnectivity
La nostra storia
Medicale
Oil and Gas
Packaging
Partnerships universitarie
Robotica
Tecnologia