Richiamo di prodotti alimentari vicino a casa

febbraio 17, 2017, by Emily Blanchard

Normalmente i miei blog sono leggeri e il loro proposito è fornire alcune provocazioni in maniera divertente. Ma il blog di oggi non ha lo stesso tono.

Petri Dish Il 21 febbraio. Un formaggio morbido è stato ritirato dalla vendita a causa dell’elevata quantità di listeria monocytogenes. Il Virginia e il Maryland hanno esaminato i prodotti dal produttore, ma la triste verità è che una persona è deceduta a causa di questa patologia. E se non bastasse, il CDC non ha pubblicato l’età della persona deceduta, ma quasi metà dei soggetti interessati erano neonati.

Sapete, la listeria monocytogenes passa molto facilmente dalle donne incinte ai loro feti. Spesso i feti o i neonati sono malati, mentre le madri non hanno nessun sintomo. In una persona sana, la listeria monocytogenes può non rivelare alcun sintomo o può essere confusa con un brutto raffreddore o un’influenza. Ma per soggetti dal sistema immunitario debole, come i bambini piccoli, può essere mortale.

Ho un bambino di quattro mesi. È tenerissimo e adora sorridere. Quando ho letto il rapporto e ho scoperto che c’è una gran quantità di prodotti contaminati in Virginia, mi sono chiesta quanti pericoli possiamo aver scampato. Ho acquistato quello stesso formaggio venerdì 21, il giorno del ritiro del prodotto. Non lo compravo da anni, ma l’ho fatto venerdì. Ho letto la notizia stamattina (lunedì 24 febbraio) e quello che ho scoperto è che questo problema persiste da agosto 2013. Molti casi di contagio si sono verificati a novembre. Mio figlio è nato a ottobre. Era in pericolo e io non ne avevo idea.

Ho passato una quantità incredibile di tempo a guardare la foto di mio figlio oggi. Non solo per quello che è successo; ho pensato alla fiducia che riponiamo nei processi di produzione degli alimenti. Questo problema non si è verificato in un paese lontano da cui il prodotto è stato spedito via mare. È successo negli Stati Uniti, in uno stabilimento americano. Il produttore era responsabile della sicurezza di questo alimento destinato al consumo. Ho letto che per quanto pensassero di fare bene, non era comunque abbastanza.

E ora questa società sta volontariamente togliendo tutti i prodotti dagli scaffali. Ne sono lieta. Ma io appartengo al mondo degli affari e mi rattrista il fatto che questo richiamo del prodotto comporterà costi enormi per la società e probabilmente per i suoi dipendenti. Se lo stabilimento deve chiudere per effettuare dei lavori di pulizia, cosa succederà ai suoi dipendenti? Verranno pagati o dovranno richiedere la disoccupazione? Tutto questo potrebbe significare la rovina della società?

Ho riguardato un blog che abbiamo pubblicato un anno fa. Per ogni caso di listeria denunciato, ce ne sono due di cui non siamo a conoscenza. Il problema con il formaggio sembra essere emerso ad agosto. Però dato il tasso di diagnosi e la difficoltà a riconoscere i sintomi della malattia, il problema non è risolto, a sei mesi di distanza. Leggendo quel post, vediamo che ci sono almeno altre 16 persone che si sono ammalate.

In qualità di azienda, Kollmorgen sa bene che il richiamo dei prodotti comporta perdite di denaro e di tempo e quindi quando vendiamo ai nostri OEM, spesso parliamo di questa spesa. La verità è che dobbiamo affrontare la questione. I componenti usati da un OEM o un produttore hanno conseguenze sul pubblico in generale. Quando Kollmorgen sottolinea l’importanza di ascoltare i clienti degli OEM per sviluppare una nuova linea di prodotti, penso che possiamo essere soddisfatti del buon lavoro svolto. Buono per noi perché ci abbiamo pensato e migliorato i tempi di lavaggio nonché i materiali e i prodotti igienici. Meritiamo di essere soddisfatti perché i nostri sforzi rispondono a una necessità.

Sono fiera che la nostra società si occupi di questi problemi, ma la vera sfida è fare ancora di più: continuare ad ascoltare gli utenti finali, parlare con gli OEM e i produttori e continuare a sviluppare soluzioni. Perché poco importa che le ragioni di un’epidemia di questo genere siano molteplici. Ho ancora una confezione di formaggio a casa che dovrò buttare via. Ero incinta quando la malattia colpiva le donne in gravidanza. E purtroppo è dimostrato che nei nostri negozi di alimentari è presente la listeria monocytogenes. E mi chiedo cosa altro si possa fare. Perché, sebbene capisca il problema dei rivenditori e i costi che il richiamo dei prodotti comporta, sono anche una madre. Quindi chiedo a Kollmorgen, ai produttori, agli OEM e ad altre industrie coinvolte nella preparazione del nostro cibo di tenere in considerazione queste questioni. Non incide unicamente sulle finanze; incide sui nostri figli, genitori, nonni, collaboratori e dipendenti. Prendetevi cura di noi.

comments powered by Disqus