Suggerimenti sulla configurazione sicura del vostro sistema a motore lineare

febbraio 03, 2016, by Bob White

IC_Series_Ironcore_MEDIUM.jpg I motori lineari svolgono un ruolo importante nell’erogare un azionamento diretto molto preciso e robusto in varie applicazioni ad alte prestazioni. Per raggiungere i massimi livelli di prestazioni, il sistema a motore lineare deve essere messo in servizio in modo adeguato. Il presente post tratterà gli aspetti fondamentali da considerare durante l’impostazione e la messa in servizio di un sistema a motore lineare. È sempre importante fare riferimento alle istruzioni di installazione e configurazione fornite dal produttore.

Gestione dei cablaggi del sistema – Normalmente, un sistema a motore lineare è composto da un magnete statico, “traccia”, e a una bobina in movimento, “cursore”. Questo implica che ci siano cavi che si spostano con il cursore, quindi la gestione dei cavi è importante. Gli aspetti essenziali da considerare comprendono la flessibilità dei cavi, il raggio di curvatura e le pratiche di messa a terra e schermatura. Il cablaggio tipicamente consiste in cavi di alimentazione, retroazione, effetto Hall e termistori.

Prima accensione – Una volta installato il motore e confermato il cablaggio, iniziate il processo di configurazione assicurandosi che le correnti di picco dell’azionamento siano limitate a livelli di sicurezza e posizionando blocchi di legno alle estremità dei finecorsa. Un motore lineare non correttamente cablato potrebbe uscire dalla sede a causa delle elevate forze in uscita e potrebbe causare lesioni o danni all’attrezzatura.

Proseguendo la configurazione, la maggior parte dei servoazionamenti hanno metodi per definire parametri di azionamento specifici, associati con il motore in questione. Tali parametri aiutano a determinare come il motore sarà commutato e a configurare i loop di regolazione iniziali. Con l’azionamento AKD Kollmorgen, quasi tutti i parametri vengono popolati automaticamente attraverso la selezione del modello di motore specifico dalla lista a discesa. Oltre ai parametri di base del motore, è necessario inserire il rilevamento della temperatura e la risoluzione di retroazione. È molto importante definire correttamente la risoluzione di retroazione. Nell’azionamento AKD, la risoluzione è data dal passo del magnete diviso per la risoluzione dell’encoder.

Test iniziale – Direzione dell’encoder, sequenza fase motore e sequenza Hall devono corrispondere esattamente per permettere al sistema di commutare correttamente e al motore di muoversi come previsto. L’azionamento AKD dispone di un mezzo per testare la risoluzione del feedback, oltre alla direzione di commutazione corretta all’interno dell’ambiente WorkBench.

Configurazione finale – Con encoder e Hall allineati con la fasatura del motore e le correnti di picco limitate, è possibile avviare un processo “wake and shake” per completare la configurazione di commutazione. È possibile ora muovere il motore avanti e indietro con brevi movimenti per essere certi che tutto funzioni come previsto... e ora la configurazione è completa! Si può continuare a regolare il sistema e ottimizzare le prestazioni della macchina.

Una messa in servizio adeguata di un motore lineare permetterà di ottenere il massimo dall’intero impianto. Potrete così ottenere le prestazioni e la precisione che vi aspettate da una soluzione a motore lineare.

comments powered by Disqus