Motori brushless in posti interessanti

aprile 02, 2015, by Bob White

SubNotes 1988 ArticleIl blog di oggi fa parte di un post "Throw Back Thursday" su un articolo che ho scritto per la rivista SubNotes nel 1988. In quel periodo avevamo completato una serie di applicazioni di motori sommergibili per alcuni ambienti molto particolari e difficil; si trattava di applicazioni con nomi interessanti come Alvin, Jason Jr. o Robin. Il primo era un veicolo di ricerca con equipaggio all'epoca utilizzato dal Woodshole Oceanographic Institute, gli altri due sommergibili azionati a distanza e utilizzati per esplorare il relitto del Titanic, solo per citare alcune avventure. Nel caso di Jason Jr. si trattava della combinazione di un motore CC brushless con un amplificatore a sei passi integrale, costruito in un alloggiamento a compensazione di pressione pieno d'olio e in grado di funzionare a pressioni fino a 10.000 psi. Ma come avete scoperto nella serie "Storia dell'innovazione" che ho scritto per questo stesso blog, queste sfide con applicazioni difficili sono proprio nel DNA di Kollmorgen: la nostra capacità di considerare le sfide e di utilizzare le nostre competenze di base e design innovativi per conquistare le profondità gelide del nord Atlantico, la fredda desolazione dello spazio o il calore intenso e la pressione di un'operazione di trivellazione del petrolio.

Questo articolo è stato scritto nel 1988 quando il marchio Industrial Drives rappresentava una grande fetta di Inland Motor, entrambi parte della Kollmorgen Corporation in quel periodo. Il nostro gruppo Advanced Systems era stato coinvolto in numerose applicazioni legate a una serie di applicazioni pericolose o difficili, compresi ambienti in alta quota, sottovuoto, radioattivi, ad elevata temperatura e ad alta pressione, talvolta combinati tra loro. Tutti questi ambienti hanno rappresentato una sfida per i team di progettazione che dovevano trovare le soluzioni per superare le sfide uniche che questi ambienti hanno rappresentato per noi.

Quali sono le sfide delle vostre applicazioni?

comments powered by Disqus