L'evoluzione di Kollmorgen - Una storia all'insegna dell'innovazione (Parte IV)

settembre 12, 2014, by Bob White

Fino ad ora abbiamo seguito la storia di due immigrati tedeschi che, approdando in America, sono riusciti a trasformare i loro sogni in realtà. Fredrick arrivò negli Stati Uniti all'inizio del secolo, Hugo alcuni decenni dopo e successivamente fu Otto Kollmorgen a prendere in mano le redini della società. Ma come si sono unite queste due società? Ecco cosa ci racconta Herb Torberg (Ingegnere capo di Kollmorgen).

Kollmorgen Periscope

"Verso la fine degli anni '50 Kollmorgen si occupava principalmente dell'aggiornamento delle funzionalità dei periscopi per sottomarini. I sottomarini riuscivavo ad andare sempre più in profondità e più rapidamente e le funzionalità dei loro periscopi vennero notevolmente migliorate. Servivano però fotografie migliori, inclusa la navigazione con il sestante, misure elettroniche di tipo passivo e ausili per l'operatore addetto al brandeggio (rotazione) del periscopio. Per ciascuna di queste funzioni ottenemmo tre contratti distinti per la progettazione e la realizzazione di periscopi. Il supporto di brandeggio era l'adattamento di un progetto precedente che includeva un motore ad alta velocità, frizioni elettromagnetiche a polveri e uno speciale treno di ingranaggi piuttosto complesso. Ci occupavamo inoltre anche del programma ad alta priorità Polaris per il sistema di navigazione. Durante un concept meeting con la Detroit Controls (Norwood, Massachussetts) venne proposta l'idea di supportare il periscopio con cuscinetti idrostatici. Poiché serviva un servomotore con un foro di grandi dimensioni nell'asse. A questo punto intervenne John Harper suggerendo l'impiego di un motore di coppia. Come mai un motore di coppia?  Ma di cosa stava parlando? La Detroit Controls aveva adattato i motori di coppia sviluppati dal Draper Lab per utilizzarli negli azionamenti cardanici per piattaforme giroscopiche. John mi mise in contatto con John Luneau della Inland Motor di Pearl River, New York."

“Io e l'ingegnere, Art Hess ci recammo a Pearl River a visitare la società Inland Motor. Era in un complesso di garage collegati tra loro e John Luneau lavorava proprio li in in un ufficio modesto. Dopo un breve periodo ricevemmo un progetto e una proposta: si trattava della sostituzione del complesso e costoso motore ad alta velocità. Il prototipo era assolutamente perfetto.”

"In sintesi: da tre che erano, riuscimmo a creare un'unica commessa, nota come modello 8B. La Marina Militare fu estremamente soddisfatta richiedendoci la consegna anticipata. Sia i nostri stabilimenti che quelli della Inland lavorarono senza sosta al limite delle loro capacità. Kollmorgen aveva le risorse necessarie per aiutare la Inland: unendo le forze avrebbero ottenuto entrambe dei vantaggi."

"Inland divenne così una divisione del gruppo Kollmorgen. Hugo Unruh, il direttore della Inland, contribuì in maniera decisiva a scegliere Radford, nella sua amata Virginia, come sede dell'attività."

Questa è la storia di come la Inland Motor, presieduta dall'immigrato tedesco Hugo Unruh, divenne parte della Kollmorgen, diretta a sua volta da un figlio di un immigrato tedesco. Questo racconto mi ricorda come lo stesso concetto delle soluzioni ad azionamento diretto sia valido ancora oggi in varie applicazioni e in diversi settori. Restate in contatto con noi per approfondire la storia della società Kollmorgen. Prossimamente approfondiremo la vita di Hugo, il suo trasferimento a Radford, il progetto MacBeth relativo ai fotocircuiti e la vita degli altri protagonisti della famiglia Kollmorgen.

comments powered by Disqus